Contest Pharmaevolution per il sociale: secondo premio per la Farmacia Saggio | www.farmaciasaggio.it
logo
Ultime notizie
Home / Eventi / Contest Pharmaevolution per il sociale: secondo premio per la Farmacia Saggio

Contest Pharmaevolution per il sociale: secondo premio per la Farmacia Saggio

BELPASSO, Catania – Oltre 3.500 ingressi per la quinta edizione di PharmEvolution, la convention-evento della farmaceutica che  ha chiuso i battenti nel centro Etnafiere. Tre giorni di iniziative dedicate ai principali problemi del comparto, una maratona di convegni, dibattiti e corsi Ecm, nella cornice di un’area fieristica che ha ospitato 75 espositori tra le maggiori aziende di beni e servizi per la farmacia.

A corollario dei convegni anche la premiazione dei vincitori del contest “PharmEvolution x il Sociale”, che da luglio a settembre ha visto i farmacisti di tutta Italia sfidarsi nell’ideazione di un progetto etico rivolto alle fasce più deboli della popolazione. Eco i primi tre classificati (nella foto) con la targa ricordo: il primo premio è andato a Rosa Sferrazza per il progetto “Corsi di formazione in farmacia”, secondo classificato Mario Alessio Forzano della Farmacia Saggio di Gioiosa Marea con il progetto “Gravidanza serena con il tuo farmacista”, terza Matilde Faro con “Amore di mamma”.

pharmevolutions3

Soddisfatto il vicepresidente di Federfarma Nazionale e presidente di Federfarma Catania Gioacchino Nicolosi: “I numeri confermano l’interesse dei colleghi per una manifestazione che ormai è diventata punto di riferimento a livello nazionale. Con PharmEvolution la Sicilia esce dalla sua marginalità per ospitare grandi eventi, dare voce alle difficoltà dei colleghi e tracciare la rotta per il futuro. Come farmacisti dobbiamo crescere dal punto di vista gestionale e offrire standard elevati in termini di servizi, i network non sono fatti solo dalla distribuzione ma anche da realtà nuove che si affacciano sul mercato in modo intelligente, con efficienza. Questo passaggio, però, va governato per evitare intromissioni che possono mettere in crisi il sistema. Ben vengano le aggregazioni, a patto che i titolari di farmacia rimangano protagonisti”.
Madrina della kermesse la presidente di Federfarma nazionale Annarosa Racca, che ha infiammato la folta platea di farmacisti: “Valiamo molto e facciamo gola al capitale. Due terzi della Camera ha votato contro la liberalizzazione e questo vuol dire che riconosce il nostro ruolo di terminale del Servizio sanitario nazionale. Resta da affrontare il nodo dell’arrivo del capitale, ma non dobbiamo averne paura, questa è una nuova sfida, un’opportunità”.
A margine del convegno Federfarma sul futuro della farmacia, il presidente regionale Francesco Mangano ha presentato il report con i risparmi della distribuzione per conto (ovvero tramite le farmacie) dei farmaci del Pht (prontuario ospedale-territorio): “Grazie alle farmacie siciliane – ha rimarcato – la Regione ha risparmiato oltre 50 milioni di euro in un anno, facendo calare del 34,5% la spesa per i farmaci ad alto costo. Tutto ciò senza tagliare il servizio, anzi migliorandolo perché i cittadini possono ritirare le medicine nella farmacia più vicina anziché nei centri Asp”.

targapremio

Ma non sono gli unici numeri emersi dalla tre giorni di eventi. Nel convegno sulla cosmetica è stato evidenziato il ruolo di un segmento che vanta un fatturato annuo di oltre 9 miliardi e 300 milioni e ha visto un incremento delle esportazioni pari all’11% nei primi sei mesi del 2015. A distinguersi nel panorama nazionale è la regione Sicilia, che si piazza al settimo posto per consumo di prodotti cosmetici, mentre la provincia etnea scivola al 24esimo posto.
“Tra le principali protagoniste nel mercato cosmetico – ha puntualizzato Marco Pirozzi, del centro studi Cosmetica Italia – c’è la farmacia, che dal 2007 a oggi ha visto aumentare costantemente il fatturato, a fronte di un calo dei consumi nei canali professionali. Solo nel 2014 il comparto farmacia ha registrato un incremento di vendite dell’1,1%, pari a circa un miliardo e 800 milioni, contro un calo di vendite del 3,5% nei saloni acconciatura e del 2,5% nelle profumerie. Uno dei fattori trainanti dei consumi in farmacia è la fiducia: nei confronti del professionista e in modo più generalizzato verso il comparto”. Proprio la fiducia nel farmacista guida anche l’acquisto di integratori alimentari: un italiano su tre ne fa uso e oltre l’80% del mercato fa capo alle farmacie, con una crescita di fatturato di quasi l’8% nell’ultimo anno, secondo quanto emerso nel convegno Shackleton tenuto da Nicola Posa.
Grande interesse per il confronto-dibattito con Paolo Duarte, esponente della delegazione portoghese ospite a PharmEvolution, che ha presentato i numeri della farmacia in Portogallo mettendo a confronto i dati con la realtà italiana.

articolo tratto da http://www.cronacaoggi.it
foto realizzate dall’ufficio stampa di Pharmevolutions

About farmaciasaggio