Il lassativo Pursennid ad un prezzo imbattibile | www.farmaciasaggio.it
logo
Ultime notizie
Home / news / Il lassativo Pursennid ad un prezzo imbattibile

Il lassativo Pursennid ad un prezzo imbattibile

pursenChe cos’è Pursennid e quando si usa?
Pursennid è un lassativo che stimola l’intestino crasso attivando così l’evacuazione delle feci. Pursennid è quindi indicato per il trattamento a breve termine della costipazione occasionale, ad es. durante un viaggio.
I principi attivi di Pursennid, estratte dalla pianta da senna, agiscono appr. 8 ore dopo la somministrazione. Se Pursennid è assunto prima di coricarsi, di regola non perturba il sonno.
Di che cosa occorre inoltre tener conto durante il trattamento?
Se soffre di costipazione cronica, le raccomandiamo di consultare il medico. Se soffre di costipazione, possibilmente dovrebbe
assumere alimenti ricchi di fibre (verdura, frutta, pane integrale); bere molto e regolarmente e fare attività fisica (sport)!
Quando non si può usare Pursennid e quando la sua somministrazione richiede prudenza?
Pursennid non deve essere somministrato:
in caso di ipersensibilità (allergia) alla senna o a una delle sostanze ausiliarie dei confetti;
in caso di malattie intestinali infiammatorie come morbo di Crohn, colite ulcerosa, malattie del fegato, infiammazione del peritoneo (peritonite);
in caso di occlusione o paralisi intestinale;
in caso di infiammazione acuta di estroflessioni intestinali (diverticolite) e dell’appendice;
in caso di disturbi acuti del tratto gastrointestinale di origine sconosciuta, con sintomi come nausea, vomito, crampi intestinali o forte diarrea;
in caso di carenza di liquidi e disturbi dell’equilibrio di sali e minerali (ad es. carenza o perdita di potassio).
Per evitare un’eventuale assuefazione, i lassativi dovrebbero essere assunti solo occasionalmente e per un periodo che non superi una settimana.
Ai bambini di età inferiore ai 12 anni non è consigliata l’assunzione di Pursennid.
In caso di impiego cronico, abuso o assunzione di dosi superiori a quelle consigliate possono insorgere diarrea con conseguente disidratazione e disturbi die metabolismo elettrolita (in modo particolare ipopotassemia). È pertanto richiesta particolare cautela in caso di assunzione contemporanea di determinati farmaci che stimolano la secrezione di urina (diuretici), medicinali a base di liquirizia, corticosteroidi, determinati antistaminici (ad es. terfenadina), farmaci per il trattamento dell’insufficienza cardiaca (glicosidi cardioattivi come la digossina) o di scompensi del ritmo sinusale (antiaritmici).
Un eventuale effetto di Pursennid sulla capacità di condurre un veicolo e utilizzare macchine non è stato studiato a sufficienza.
Consulti il suo medico o il suo farmacista se necessita di lassativi per periodi prolungati. L’assunzione prolungata può compromettere la funzione intestinale e causare assuefazione. Un trattamento prolungato deve essere effettuato sotto controllo medico; se l’assunzione di Pursennid non fa effetto e la costipazione persiste o peggiora;
se compaiono eruzione cutanea, nausea o vomito;
se recentemente si è sottoposto a un intervento chirurgico all’addome.
Questo medicamento contiene lattosio, glucosio e saccarosio: se soffre di intolleranza a determinati zuccheri, consulti il suo medico o il suo farmacista prima di assumere Pursennid.
Informi il suo medico, il suo farmacista o il suo droghiere, nel caso in cui soffre di altre malattie soffre di allergie o assume o applica esternamente altri medicamenti (anche se acquistati di sua iniziativa!). Questa avvertenza vale in particolare per i medicamenti che agiscono sul ritmo cardiaco e per quelli che possono causare alterazioni all’ECG (ad es. determinati psicofarmaci, antibiotici o antiallergici). L’assunzione contemporanea può causare disturbi del ritmo cardiaco.
Si può usare Pursennid durante la gravidanza o l’allattamento?
Gravidanza:
durante la gravidanza Pursennid deve essere somministrato solo dopo consultazione medica.
Allattamento:
durante l’allattamento, non assumere il Pursennid perché nel latte materno possono passare derivati antrachinonici e non vi sono dati sufficienti per valutare le conseguenze sul bambino allattato

About farmaciasaggio