Al via la campagna contro i pidocchi: non spaventatevi, i rimedi ci sono | www.farmaciasaggio.it
logo
Ultime notizie
Home / news / Al via la campagna contro i pidocchi: non spaventatevi, i rimedi ci sono

Al via la campagna contro i pidocchi: non spaventatevi, i rimedi ci sono

E’ partita ieri, primo giorno di scuola, la campagna informativa di Federfarma per prevenire e curare i pidocchi.

Pediculus humanus capitis La pediculosi è indubbiamente fastidiosa ma non è necessario spaventarsi se i nostri figli ne sono colpiti a fronte di una infestazione conclamata, è possibile debellare il problema in 24 ore.
La conseguenza più grave della pediculosi è la dermatite per le lesioni causate dai pidocchi sulla cute del capo. Da evitare, secondo Federfarma, i rimedi casalinghi. «La tradizione popolare porta con sé alcuni rimedi che vengono ancora oggi messi in atto per debellare la pediculosi -oggi il perfezionamento dei farmaci specifici ha di gran lunga superato le ricette tradizionali.

I pidocchi sono degli insetti in grado di infestare gli uomini e gli animali. Il pidocchio che attacca l’uomo proviene dalla specie Pediculs Humanus e Pthirus Pubis. Il Pthirus Pubis, chiamato comunemente piattola, vive e si riproduce tra il pelo del pube, delle ciglia e delle sopracciglia.

Il Pediculus Humanus, detto anche pidocchio, infesta in primo luogo il cuoio capelluto, ha un ciclo riproduttivo che parte dalle lendini (uovo) fino a formare il pidocchio. Le lendini sono deposte in gran parte dietro le orecchie e sulla nuca, aderiscono al capello grazie ad una sostanza adesiva che secernono, si schiudono dopo una settimana.

Il pidocchio si nutre di sangue che aspira pungendo il cuoio capelluto, causando così un forte prurito. Il pidocchio se allontanato dalla testa, non avendo più nutrimento, muore dopo qualche ora.

Prevenzione.

Il modo più sicuro per prevenire l’infestazione da pidocchi è di osservare giornalmente lo stato del cuoio capelluto, nel caso si dovesse riscontrare la presenza di lendini, esse devono essere sfilate immediatamente. Questa operazione può essere fatta manualmente o aiutandosi con un pettine fitto bagnato di aceto caldo. L’aceto grazie al ph acido discioglie la sostanza adesiva che fissa le lendini al capello.

L’uso di antiparassitari a scopo preventivo non è consigliato perché sono moderatamente tossici e inefficaci. Il pidocchio non fa distinzione tra una testa appena lavata e una sporca.

Terapia.

Nel caso d’infestazioni da pidocchi è bene applicare uno shampoo o delle polveri antiparassitarie. È inutile ripetere l’applicazione prima di una settimana.

La pediculosi non è una malattia, non fa distinzioni tra classi sociali o tra persone che hanno più o meno cura della propria igiene.

Se un membro della famiglia è affetto da pediculosi è consigliabile controllare la testa a tutti. Quando è colpito un bimbo occorre avvertire immediatamente la scuola, in modo che anche gli altri compagni di classe siano controllati. 

Consiglio del farmacista.

Il mercato offre una gran varietà di prodotti, sono tutti abbastanza sicuri ed efficaci se usati con attenzione e senza esagerare nelle applicazioni.  Un buon shampoo, per la praticità d’uso, sia la forma farmaceutica da consigliare. Per i casi più persistenti da consigliare anche la polvere da applicare sulla cute asciutta. Fare un’applicazione di balsamo dopo lo shampoo facilita la rimozione delle lendini, perché rende più facile l’uso del pettine fitto bagnato con aceto caldo.

Clicca qui per continuare a leggere l’articolo da www.vitadidonna.it

About farmaciasaggio